Latina, rumena arrestata per furto da “Risparmio Casa”. Tunisino denunciato per porto di arnesi atti allo scasso

La Polizia di Latina a seguito di segnalazione giunta al 113, è intervenuta nel primo pomeriggio di ieri nei pressi del negozio Risparmio Casa sito in via Monte Bianco dove, poco prima, una donna di nazionalità rumena, aveva commesso un furto.

In particolare, gli addetti alla vigilanza del negozio avevano poco prima allertato il 113 in quanto la donna superava le barriere antitaccheggio facendo scattare il relativo allarme. La donna, scoperta , veniva bloccata dall’addetto alla vigilanza antitaccheggio e consegnata agli operatori della Polizia di Stato giunti tempestivamente sul posto. Dagli accertamenti risultava che la donna si era impossessata di prodotti per la cura della persona per un valore di circa 80 euro occultandoli sotto gli abiti indossati dalla donna; la refurtiva, poiché non danneggiata, veniva riconsegnata al titolare del negozio derubato. La persona fermata, accompagnata presso gli uffici della Questura, identificata per STICLARU Veronica, del 1977, pluripregiudicata per reati specifici, dopo essere stata sottoposta a rilievi fotodattiloscopica, d’intesa con P.M. di turno, D.ssa Spinelli, veniva arrestata per furto aggravato e trattenuta presso le celle di sicurezza della Questura in attesa del rito per direttissima che si svolgerà domani 12 settembre.

Inoltre nel corso di appositi servizi di controllo del territorio volti ad infrenare il fenomeno dei reati predatori, nel tardo pomeriggio di ieri 10 settembre , un equipaggio della Squadra Volante, durante l’attività di pattugliamento e prevenzione reati nel percorrere questa Via Corridoni, angolo piazzale Gorizia,, quartiere Nicolosi, notavano un uomo extracomunitario che si aggirava tra le auto in sosta con fare sospetto. Il soggetto dunque veniva prontamente sottoposto a controllo; alla richiesta degli operatori di esibire i documenti il soggetto si mostrava visibilmente nervoso ed infastiditi dal controllo; alla luce del suo comportamento sospetto, i poliziotti procedevano alla perquisizione personale che dava esito positivo, infatti all’interno del marsupio da lui indossato veniva rinvenuto un martello multifunzione, di cui non sapeva giustificare la presenza. La persona fermata, accompagnata presso gli uffici della Questura, identificata per H.J, Tunisino del 1978, pluripregiudicato, veniva denunciato in stato di libertà per il reato di porto di arnesi atti allo scasso.

Rispondi a

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.