Criminalità a Latina, maxi sequestro a Tuma VIDEO

2186

Maxi sequestro patrimoniale dell’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Anticrimine che, su impulso del Questore di Latina Giuseppe DE MATTEIS, continua incessante la sua attività volta a far emergere illegalità e utilità “guadagnate” illecitamente. La Questura di Latina sta ultimando in queste ore l’esecuzione di un importante sequestro preventivo quale misura di prevenzione, da irrogare nella provincia pontina.

Sono stati apposti quindi i sigilli a beni mobili ed immobili, posizioni creditizie in differenti istituti di credito, e nei confronti di tante società, il tutto riconducibile a Gianluca TUMA, personaggio noto in città, giusto decreto del Tribunale di Latina che ha emesso il provvedimento, accogliendo e condividendo in pieno le risultanze investigative della Polizia di Stato. La Divisione Polizia Anticrimine ha avviato una capillare e minuziosa indagine nei confronti di Gianluca TUMA, da sempre gravitante nel tessuto criminale della provincia pontina.

Le approfondite indagine sono state mirate a dimostrare, in maniera incontrovertibile, come il TUMA abbia, di fatto, tratto sostentamento e ricchezze da attività illecite manifestando, con modalità sempre più elaborate, la sua spiccata capacità non solo a compiere ma anche a organizzare, promuovere e gestire trame criminali, sebbene impegnato a ritagliarsi l’immagine di un rispettabile imprenditore. Invece ha mantenuto, nella maniera più occulta possibile, saldi contatti con la criminalità dedita alla commissione di reati particolarmente remunerativi. Le approfondite indagini patrimoniali hanno evidenziato come l’imprenditore e la sua famiglia, anche attraverso le varie società, operino con i proventi derivanti da attività delittuose. L’asse immobiliare e finanziario accumulato, è in evidente sproporzione con le disponibilità dirette e indirette dichiarate al fisco.

Il patrimonio sequestrato, accumulato anche attraverso interposte persone per un ammontare di circa 3 milioni di euro.

Rispondi a

Please enter your comment!
Please enter your name here